Homepage
 
3° incontro Segreteria tecnica dei Corpi Civili di Pace
Bologna, 20 ottobre 2002
 
Associazione
Documenti
Progetti
Materiali

Verbale

Presenti
Alberto L'Abate  (Corso Laurea Operatori di Pace-Campagna Kossovo)
Antonella Sapio  (collaboratrice)
Carla Biavati  (Berretti Bianchi-Rete Lilliput)
Giannina Dal Bosco  (Associazione Pace-Donne in Nero)
Samuele Filippini (Operazione Colomba-Associazione Papa Giovanni XXIII)
Sandro Mazzi  (Centro Studi Difesa Civile)
Silvano Tartarini  (Berretti Bianchi Onlus)
Presenti in qualità di osservatori
Guiseppe Cingolati  (Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia)
Leonardo Nunziati  (Associazione Eticonomia di Prato)
Maurizio Cucci  (Berretti Bianchi)
Assenti
Beati Costruttori di Pace, MIR, MN, Campagna OSM-DPN, PBI.


La riunione si è svolta presso lo Studentato Missionario Devoniano, ina via Sante Vincenti, Bologna.
La riunione è iniziata alle ore 11,30 ed è terminata alle 17,30 circa.
Maurizio Cucci ha svolto il ruolo di Presidente della riunione; a Silvano Tartarini è stato assegnato il compito di verbalizzare.

 
Ordine del giorno

a)
approvazione verbale riunione precedente;
b)
informazioni da parte del coordinatore in relazione ai contatti avuti con le associazioni e le ONG assenti al precedente incontro della segreteria e ancora incerte rispetto alla adesione, al fine di verificare la qualità e l'entità della reale disponibilità a collaborare alla iniziativa e informazioni sullo stato di preparazione del "documento di sintesi" sui CCP che le associazioni si erano impegnate a produrre entro il 5 Ottobre;
c)
comunicazioni su Nonviolent Peaceforce (NP) e "Movimento Palestinese per la cultura e la democrazia";
d)
preparazione del Forum " Verso i Corpi Civili di Pace". Definizione data, luogo e programma dei lavori.


DECISIONI PRESE
a)
Il Presidente legge il verbale della riunione precedente che viene approvato all'unanimitÓ dei presenti.
b)
Il coordinatore riferisce che, al di lÓ delle assenze della giornata, dovute in gran parte allo spostamento troppo repentino della data della riunione, le adesioni al progetto in corso si sono confermate ed allargate alle PBI. Rimane ancora da chiarire l'intenzione dei BCP e del Gavci rispetto al progetto in corso: occorre una chiarificazione.
Per quanto riguarda la guida orientativa ai lavori del Forum sono arrivati vari contributi, che sono stati raccolti ed elaborati da Carla Biavati e Fabiana Bruschi e inviati ai membri della segreteria tecnica.
Carla Biavati ci informa da parte del segretario del gruppo verde al Parlamento Europeo, Paolo Bergamaschi, che sarÓ presente al workshop dei CCP all'interno dell'Europa Social Forum di Firenze, della presentazione di un emendamento al documento sui Corpi Civili di Pace Europei approvato all'unanimitÓ dalla commissione esteri.
c)
Viene ritenuto importante, per il progetto in corso in Italia, l'appuntamento e l'incontro a Bruxelles con Nonviolent Peaceforce in preparazione al prossimo convegno di Delhi, fondativo dello stesso Nonviolent Peaceforce. Alcune associazioni aderenti alla segreteria verso i CCP parteciperanno a titolo individuale agli incontri. Inoltre suscita soddisfazione la nascita di un Movimento Palestinese per la cultura e la democrazia. Si invitano le ONG che lavorano alla costruzione della pace a valutare una loro adesione alle iniziative in oggetto.
Viene fatto inoltre presente che il rappresentante di Nonviolent Peaceforce sarà in Italia il 13-14 dicembre 2002.
d)

Dalla discussione emerge l'esigenza di sollecitare la partecipazione attiva dei gruppi e delle associazioni alla preparazione del Forum, poiché l'annuncio della guerra infinita e i focolai aperti nel mondo impongono una urgente e maggiore coesione delle forze nonviolente di pace. Si decide di inviare a tutte le ONG che operano sul terreno della pace un documento di adesione alla preparazione del Forum.
Si decide di continuare il lavoro in due gruppi:
- gruppo strategia per il coordinamento verso i CCP;
- programma del Forum.

Riguardo alla struttura futura da darsi e alle modalità di lavoro sono emerse le seguenti ipotesi di lavoro:
- ipotesi di formazione di una federazione di gruppi e associazioni costituenti i CCP, seguita da una campagna divulgativa di adesione;
- ipotesi di strutturazione interna : segreteria tecnica definitiva, coordinamento, modalità di adesione etc...;
- modalità di "reclutamento" e formazione dei volontari;
- modalità e legittimazione degli interventi nelle aree di conflitto.

Inoltre, in generale, è percepita l'importanza di una testimonianza delle persone che vivono nei luoghi interessati da conflitti armati, al fine di fare una lettura ed una valutazione degli interventi.

Riguardo alla preparazione del Forum si pianifica il FORUM per
 il 21-22-23 marzo 2003 a Bologna
e si ipotizza la seguente scaletta dei lavori.

Venerdì mattina: inizio lavori ore 9 / chiusura lavori ore 13
(Livello dei lavori: internazionale, facilitatore: E. Euli).
- Introduzione al tema dei CCP - Alberto L'Abate ( riferirà sul lavoro svolto dalla segreteria);
- CCP a livello Europeo Istituzionale- Paolo Bergamaschi
- Intervento di un rappresentante francese
- Intervento di un rappresentante inglese
- Intervento di un rappresentante tedesco

Venerdì pomeriggio: inizio lavori ore 15,30 / fine lavori ore 17,30
Sono previsti quattro gruppi di lavoro:
- uno politico-organizzativo su come costruire una rete di ONG europee sul tema dei CCP e su possibili iniziative da prendere nei confronti delle istituzioni europee;
- altri tre gruppi di lavoro per fare il punto delle esperienze accumulate dalle nostre ONG nelle varie aree di intervento regionale (Balcani - Palestina-Africa).
Da questi quattro gruppi di lavoro dovrebbe emergere l'indicazione sulle possibilità, le modalità e i tempi di costruzione dei CCP in Italia nella prospettiva dei CCPE (Corpi Civili di Pace Europei).

Sabato mattina: inizio lavori ore 9 / fine lavori ore 13
(Livello nazionale)
- Intervento di un relatore di Forza Italia
- Intervento di un membro ds della Commissione Difesa
- Intervento di Francesco Tullio
- Intervento di Luisa Morgantini
- Intervento di Alberto L'Abate
- Intervento di Gianni Scotto

Sabato pomeriggio: inizio lavori ore 15,30 / fine lavori ore 19
- Gruppi di lavoro sulle aree tematiche (GAN) dalle 15,30 alle 17,30. Da questi gruppi di lavoro (il cui numero può essere ipotizzato da 3 a 5) dovrebbe emergere - tenendo presente anche quanto emerso nei lavori di venerdì - che cosa ci si attende dal FORUM, cioè modalità, tempi e percorsi di costruzione in Italia dei CCP.
- Discussione in plenaria dalle 17,30 alle 19.

Sabato ore 21 - Esperienze di lavoro

Domenica mattina: inizio lavori ore 9 / chiusura prevista ore 12,30
- Proposte emerse dal Forum
- Discussione e votazione documento finale.

 

Si chiudono i lavori che sono le ore 17,30 circa.

Verbale redatto dal coordinatore della Segreteria Tecnica provvisoria di "Verso i Corpi Civili di Pace"
  Silvano Tartarini

 

Homepage
Inizio della pagina