Indice
 Chi siamo
 La rivista
 L'agenda
 Il catalogo
 Annunci
 Archivio
 Link
Picture
 padre Kizito

Vuoi fare un gesto si solidarietà concreto?

Impegnati con padre Kizito e l´associazione Amani per aiutare i bambini di strada in Africa. Telefona allo 024121011 oppure clicca su www.amaniforafrica.org

Chi è padre Kizito

E un missionario comboniano nato in Italia ma ribattezzato in Africa con il nome di un martire locale: Kizito. Ha promosso a Nairobi la Comunità di Koinonia, un gruppo di giovani volontari kenyoti che accolgono i bambini di strada e realizzano unagenzia stampa: Africanews.

Ecco le foto di alcuni incontri con padre Kizito. Clicca qui.

Bambini di strada, diritti umani, solidarietà:

per un futuro di pace e di giustizia.

 

Chi sono gli street children

Gli street children (bambini di strada) sono il segno di un mondo impazzito. Si calcola che oggi nel mondo ci siano almeno 30 milioni di bambini di strada, costretti a vivere di espedienti nei vicoli più nascosti di città senza cuore. Gli street children non hanno i genitori o hanno perso i contatti con la famiglia a causa della povertà e del dilagare dellAids.Per questo numero crescente di bambini le scelte sono limitate: diventare mendicanti cronici specializzati in piccoli furti o prostituirsi. Per alleviare i sintomi della fame annusano colla da falegname, droga economica quanto dannosa che a lungo termine provoca danni permanenti al cervello e al sistema respiratorio. In difesa degli street children lassociazione Amani organizza campi di lavoro per volontari a Nairobi.La proposta che ti facciamo è di contribuire allo sviluppo dei progetti di adozione a distanza che a Nairobi (Kenya) fanno perno sul Kivuli Centre (per i bambini di strada) e sulla Casa di Anita (per le bambine di strada). Inoltre puoi aiutare il popolo Nuba sostenendo i progetti di aiuto e scolarizzazione.

Puoi effettuare versamenti sul conto corrente postale

37799202

intestato ad Amani ONLUS

Via Gonin 820147 Milano

Specificare nella causale il progetto da sostenere; i contributi sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi.

Chi sono i Nuba

Nel sud del Sudan si è consumato in questi anni un genocidio invisibile: il governo del Sudan ha cercato di strangolare un intero popolo, quello dei Nuba. Lo scopo era quello di impossessarsi delle loro risorse, scacciandoli da terre fertili e ricche di petrolio. Anni di guerra hanno portato ad unemergenza umanitaria a causa della fame e delle malattie: malaria, tubercolosi, gotta, lebbra, dissenteria. I bombardamenti hanno fatto strage di bambini che tentavano, nonostante tutto, di andare a scuola. Si calcola che dal 1983 a oggi le vittime del conflitto siano di gran lunga superiori ai due milioni. Per nascondere questi orrori il governo di Khartoum vieta l'accesso nella zona alle Nazioni Unite e ad ogni altro organismo internazionale, impedendo di fatto l'arrivo degli aiuti internazionali. L'isolamento dei Nuba è stato rotto dai volontari di Amani per la prima volta nell'agosto del 1995, con voli carichi di aiuti umanitari.

Da allora ogni mese Amani invia medicinali, attrezzi da lavoro, vestiti, sapone, sale, materiale scolastico per permettere alla popolazione di resistere in una situazione di conflitto, abbandono e isolamento.

Amani

Amani, che in lingua kiswahili vuol dire pace. Padre Kizito è presidente di Amani, unassociazione impegnata nel volontariato internazionale e nella difesa dei diritti umani.

 

 

Come si può sconfiggere la povertà?"Si stima che il costo addizionale per raggiungere e mantenere un accesso diffuso all'istruzione di base per tutti, alle cure sanitarie di base per tutti, alle cure mediche per la procreazione di tutte le donne, a un'adeguata alimentazione per tutti, ad acqua potabile e al miglioramento delle condizioni igieniche per tutti, si aggirerebbe intorno ai 40 miliardi di dollari l'anno: il che rappresenta meno del 4% della somma concentrata nelle mani delle 225 persone più ricche del mondo."

Dal Nono rapporto ONU UNDP (United Nations Development Program)

 

Informati per costruire un mondo più giusto

Collegati a questi siti Internet

www.peacelink.it (sito nazionale di PeaceLink)www.taras.it (sito locale di PeaceLink)www.peacelink.it/webgate/news/maillist.html (informazione nazionale)www.peacelink.it/webgate/taranto/maillist.html (informazione locale)www.peacelink.it/amani.html (Amani)www.peacelink.it/amani/afrinews (Africanews)www.campagnasudan.it (Campagna per la difesa del popolo Nuba)www.aifo.it (Aifo)www.vita.it (settimanale Vita)

PeaceLink, casella postale 2009, 74100 Taranto, conto corrente postale 13403746e-mail: volontariato@peacelink.it fax 1782273886 cell.3471463719

 

[Indice] [Chi siamo] [La rivista] [L'agenda] [Il catalogo] [Annunci] [Archivio] [Link]